COME MISURARE LA SUPERFICIE COMMERCIALE DI UN IMMOBILE

Oggi vi voglio parlare di un aspetto importante per la determinazione del valore di un immobile: la superficie commerciale.

 

Questo è un dato importante e di riferimento, perché rappresenta un valore di comparazione che può essere utilizzato per determinare il prezzo di un immobile rispetto ai valori di mercato (anche se è necessario evidenziare che qualsiasi immobile viene sempre acquistato a corpo). 

 

C’è un problema però: la superficie commerciale non è semplice da calcolare. 

 

Su internet, come spesso accade, troverete tanti metodi discordanti tra di loro, soprattutto per quanto riguarda le percentuali che devono essere utilizzate per parametrare le varie superfici (per esempio, la superficie della cantina va computata al 50%, al 30% o al 25%?). 

 

Quindi qual è il metodo più corretto per calcolarla?


Al fine di dare i valori più corretti possibili ai miei clienti, io utilizzo le direttive dell’Agenzia del Territorio che sono riepilogate in un Manuale intitolato “Istruzioni per la determinazione della consistenza degli immobili urbani per la rilevazione dei dati dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare”. Già dal titolo si comprende che non è un lavoro tra i più semplici. Per questo, e per vari altri motivi di cui riparleremo in altri post, il “fai da te” nella vendita del proprio immobile non assicura di realizzare il proprio obiettivo economico nel migliore dei modi.

 
Per i più tecnici, di seguito vi indico il link dal quale potrete scaricarvi il Manuale, ma non esitate a contattarmi se volete avere una corretta valutazione del vostro immobile.